Archivio | I miei romanzi RSS feed for this section

Il mio romanzo in edicola sulla rivista Intimità

21 Feb

image

Come ho accennato in un articolo di qualche tempo fa “En e Xanax, scrittura”   (https://noirinrosa.wordpress.com/2017/01/08/scrivere/), durante le vacanze natalizie ho scritto “qualcosa” e questo qualcosa è ora in edicola: da oggi  e per una settimana potete leggere sul settimanale Intimità n. 8 il mio romanzo completo Un tango per innamorarsi.

Affetto filiale, amicizia, amore sono i sentimenti al centro del romanzo. E anche la solitudine. Una solitudine che però non porta all’isolamento: nonostante il momento di crisi personale che sta vivendo, la protagonista è aperta al dialogo interiore e al dialogo con gli altri, unici elementi che possono dare un senso alla vita.

La trama, in cui momenti leggeri si alternano a momenti drammatici, in breve è questa: Rosa è una donna con poca autostima e in costante conflitto con il proprio corpo. Si sente bene solo quando si dedica alla danza, che diviene un balsamo per le sue ferite emotive. È decisa a lasciarsi alle spalle un periodo difficile. Tra i colloqui settimanali con la psicologa, le rinunce imposte dalla dieta ferrea, le lezioni di ballo, Rosa sta percorrendo tra alti e bassi il cammino verso la guarigione quando una concomitanza di eventi fa tornare a galla tutte le sue insicurezze.  Qui mi fermo per non svelarvi troppo, il resto lo potrete scoprire leggendo il romanzo.

Come Love Story, su cui sono apparsi alcuni miei racconti, anche Intimità è pubblicata dalla casa editrice Quadratum. Sono contenta di vedere il mio romanzo su questa rivista che ha un pubblico molto vasto. Un grazie di cuore a Intimità, alla redazione, alla casa editrice Quadratum.

La pagina Facebook della rivista Intimità:  Pagina Facebook della rivista Intimità

image

 

Annunci
Immagine

Il mio romanzo noir La luna tatuata: i luoghi

20 Set

La luna tatuata (disponibile su Amazon) è un noir metropolitano ambientato a Milano. Ma quali sono i luoghi di questa città descritti nel mio romanzo? Seguitemi in questa  passeggiata virtuale e lo saprete. Vi consiglio di indossare scarpe comode perché c’è tanto da camminare.

Il nostro tour letterario parte da Piazza Diaz; il romanzo infatti si apre con l’incontro fra Pietro Brioschi e Viola Kohl in un bar sotto i portici di questa piazza vicino al Duomo. Il bar in questione è il Samarani, attualmente chiuso, ma funzionante nel periodo in cui si svolgono i fatti del romanzo (2012):  lì mi piaceva  fare colazione  quando andavo a fare un giro tra le bancarelle di libri usati la seconda domenica del mese.

#lalunatatuata #noirmetropolitanoambientatoaMilano

20150905_150026

20150905_145805

20150905_150101

20150905_145818

Il nostro tour continua. Raggiungiamo corso Venezia ed entriamo nei giardini di via Palestro. Qui, nel parco tra il Museo di storia naturale e il Planetario Ulrico Hoepli, tre volte alla settimana Pietro Brioschi si allena nella corsa.

20150826_105614

20150826_105915

Dai giardini di via Palestro raggiungiamo porta Venezia e da lì via Sirtori, dove abita Brioschi. In questa zona ci sono palazzi di epoca liberty, come questi:

20150826_111003

Anche i Navigli figurano tra i luoghi in cui si svolge il romanzo. Qui Viola viene a indagare nella scuola dove Lara Frai insegnava danza.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Uno degli episodi più movimentati del romanzo si svolge al Museo del Novecento:

20150823_111022

Il nostro tour prosegue fino a piazza Duomo: a me piacciono le strutture ad anello e nella zona dove il romanzo si apre, il romanzo si chiude.

20150823_111309

Il nostro tour virtuale si conclude qui, davanti al monumento che più di tutti forse rappresenta Milano. Per saperne di più sul mio romanzo, non vi resta che leggerlo. Lo potete trovare su Amazon (http://www.amazon.it/La-luna-tatuata-metropolitano-ambientato-ebook/dp/B014N2OJHK/ref=pd_ecc_rvi_1). Buona lettura!

 

 

Il mio romanzo noir metropolitano ambientato a Milano: da oggi su Amazon

8 Set

Il mio nuovo romanzo La luna tatuata è da oggi su Amazon

#LaLunaTatuata, #noirmetropolitano

Anteprima del mio nuovo romanzo La luna tatuata: le prime pagine

7 Set

Come anteprima del mio romanzo La luna tatuata, che sarà disponibile su Amazon a partire da domani, 8 settembre 2015, pubblico sul mio blog le prime pagine.

 

Pietro Brioschi guardò di nuovo l’orologio. Erano le sei passate. “Basta, me ne vado” borbottò tra sé. Mangiò un  ultimo salatino, finì il prosecco rimasto nel bicchiere e si alzò. Si guardò intorno, come se aspettasse un evento improvviso che smentisse la sua evidente delusione, ma non successe nulla. “Che imbecille!” pensò di sé per  aver dato retta a quella telefonata anonima ricevuta in studio tre giorni prima: «Avvocato Brioschi, se le sta a cuore la sorte del suo assistito, venga al caffè Samarani in piazza Diaz domenica alle 18». Accettare l’invito di quella voce femminile era stato un altro errore, l’ultimo di una serie di errori che lo avevano portato al punto in cui era: si stava occupando di una sola causa, quella di Matteo Borsari, aveva dovuto licenziare la segretaria perché non se la poteva più permettere, e aveva traslocato in un ufficio più piccolo.

Afferrò la ventiquattro ore e si accinse a raggiungere l’uscita.

– Dove sta andando, avvocato Brioschi? Avevamo un appuntamento, se lo è già dimenticato? – e una giovane donna si materializzò sulla sedia accanto a quella che l’uomo aveva occupato fino a quel momento. Eppure lui non l’aveva vista arrivare: aveva scelto quel tavolino in fondo al locale per tenere d’occhio chi entrava e usciva, ma lei, proprio no, non l’aveva vista.

L’avvocato, controvoglia, si risedette. Osservò con diffidenza la sconosciuta che lo aveva attirato fin lì. Il viso era in parte nascosto dal pesante colbacco calcato sulla fronte: sul pallore della pelle spiccavano due occhi di un intenso color celeste.

– No, non c’è bisogno che si tolga il cappotto, – disse la donna a Brioschi che stava per slacciare i grandi bottoni in pelle del loden.    – Sono poche le cose che ho da dirle, ci sbrigheremo in una manciata di minuti.

– Ma allora è proprio abituata a dare ordini? – le chiese ironicamente, ripensando al tono deciso della sua telefonata di tre giorni prima.

– Non amo molto i giri di parole.

– Su questo sono d’accordo con lei, anche a me piace andare subito al sodo: allora che cosa vuole?

– Voglio trovare l’autore dell’assassinio di Lara Frai. Non è stato Matteo Borsari ad ucciderla, ne sono certa, il vero colpevole se ne va in giro indisturbato. Io voglio trovarlo. Però ho bisogno del suo aiuto: lei deve consentirmi di avere accesso alle informazioni che ha raccolto su questo caso.

L’avvocato Brioschi si lasciò cadere sullo schienale della sedia e scoppiò in una sonora risata, che attirò l’attenzione degli altri clienti. Poi riassunse un contegno serio, accostò il viso a quello della sua interlocutrice e a voce bassa disse: – Ma lei non crederà che mi fidi della prima venuta di cui non so assolutamente nulla e che le dia in mano il caso? Deve proprio pensare che io sia ridotto alla canna del gas per propormi una cosa del genere, – alla canna del gas lui lo era effettivamente, ma si guardò bene dal confessarglielo.

La donna rimase in silenzio alcuni istanti, poi pose la sua mano su quella dell’avvocato: – Mi ascolti: se non fossi sicura di quello che dico, se non fossi convinta di poter arrivare al fondo di questa storia, non sarei qui, non l’avrei contattata. Lei si fidi di me e vincerà questo caso. In fondo, che cos’ha da perdere? – e lo fissò con uno sguardo significativo, come se sapesse che no, lui proprio non pensava di poterla vincere quella causa. Troppe erano le prove e le testimonianze contro il suo assistito, e anche se era convinto dell’innocenza di Matteo Borsari, era altrettanto convinto di non avere nessuna possibilità di farlo assolvere. A meno che… A meno che ci fosse stato un colpo di scena clamoroso che avrebbe capovolto le carte in tavola. Forse questo colpo di scena era seduto davanti a lui in quel momento?

– E se accettassi, che cosa dovrei fare?

– Semplicemente limitarsi a farmi leggere le sue carte e tenermi al corrente di eventuali novità. Al resto ci penserò io.

– Ma lei è una detective? Lavora per qualcuno?

– No, non sono una detective e nessuno mi ha mandata qui. Se sono seduta a questo tavolo con lei è perché l’ho deciso io, solo io.

– Perché è interessata a questo caso?  È forse una parente di Borsari, una sua ex- fidanzata? – insisteva, erano tante le domande che voleva farle.

– Niente di tutto questo, anzi a lui proprio non dovrà dire nulla. Per essere più precisa, di me lei non dovrà parlare con nessuno. Questo deve essere chiaro sin da adesso, – e cercò conferma della chiarezza del messaggio nello sguardo di Brioschi.

Anche in seguito Pietro non seppe dire che cosa esattamente lo spinse ad accettare: il tono della voce, sincero e convinto, lo sguardo, che gli parve onesto, o forse solo il suo istinto: – D’accordo, d’accordo. Ci sto. Per me va bene.

L’ombra di un sorriso increspò le labbra sottili della giovane donna.

– Ma non mi ha detto neppure come si chiama.

– Viola Kohl.

– Viola Kohl?! E non mi dice altro?

– Non deve sapere di più, non le servirà a nulla: meno sa su di me e meglio è. Si fidi. Sarò io a contattarla, –  lo salutò e senza aggiungere altro si alzò e con passo veloce e falcato si avviò verso l’uscita. Brioschi, rimasto seduto al tavolino, la seguì con lo sguardo attraverso la vetrina fino a che poté, ma dopo qualche secondo l’aveva già persa di vista.

Poco dopo anche l’avvocato lasciò il locale. Notò con disappunto che era scesa una fitta nebbia: dicembre era un mese a lui poco gradito, e un tale clima grigio e umido glielo faceva odiare ancora di più. Decise però, prima di ritornare a casa, di farsi una camminata. Gli piaceva davvero camminare senza meta in quella zona. Non sapeva neanche perché, ma gli piaceva. Brioschi, che si riteneva tradito da tutto e da tutti, e soprattutto dalla moglie, o meglio ex-moglie, e dal lavoro, ecco che invece quando camminava in quelle vie appartate e segrete che si diramano tra Piazza Diaz, Piazza Missori e via Torino, stava improvvisamente meglio, sentiva allontanarsi da sé quella cappa scura di pensieri, di paure, di presentimenti, che incombeva sempre su di lui da un po’ di tempo a quella parte.

 

I personaggi del mio nuovo romanzo

5 Set

Ecco un identikit dei tre personaggi principali del mio nuovo romanzo La luna tatuata, in uscita su Amazon l’8 settembre.

Nome: Lara Frai (in arte conosciuta come Snow White)

Aspetto fisico: altezza 1.70, kg. 60, capelli molto lunghi e lisci, neri corvini, così corvini da essere quasi blu, occhi grigio-verdi.

Età: 29.

Carattere: segnata da un evento traumatico. Ha una cura quasi maniacale del proprio aspetto. Bella, ambiziosa, sensuale.

Abilità particolari: ballerina professionista, insegna danza medio-orientale in una scuola sui Navigli e si esibisce in spettacoli di grande successo nei locali notturni di Milano.

Io la vedo così: un mix tra Zhang Ziyi – Isabelle Adjani – Dita von Teese

LaraFrai

124514492-b9f1812a-81c1-4a70-bd56-d9f8b5978c91

LaraFrai2

Nome: Viola Kohl

Aspetto fisico: altezza 1,60, peso kg 45, capelli molto corti/rasati biondo cenere, occhi azzurri.

Età: 29

Carattere: decisa, generosa, pronta a sacrificarsi; per cercare l’assassino di Lara Frai, ha lasciato tutto ed è corsa a Milano. È lei a contattare l’avvocato Pietro Brioschi. Un mistero l’accompagna: perché si è fatta viva con l’avvocato e perché vuole trovare il vero colpevole? Per arrivare alla verità non esita a calarsi nella Milano notturna, nella Milano criminale. In questa sua indagine corre seri pericoli, mettendo a repentaglio la sua vita.

Hobby: ama la poesia giapponese, soprattutto gli haiku della poetessa Chiyo Jo.

Abilità particolari: esperta dell’arte marziale del kung-fu.

Io la immagino così, con il volto dell’attrice Julie Christie nel film Il dottor Zivago:

ViolaKohl

Un viso dolce, a cui però si aggiungono forza e determinazione, caratteristiche che mi ricordano Uma Thurman in Kill Bill

download

Nome: Pietro Brioschi

Aspetto fisico:  altezza 1,85, peso: kg 80, un po’ appesantito, intorno ai 45 anni. Capelli castano-rossi, ricci, che incominciano a diradarsi sulla fronte; occhi marroni; naso pronunciato; belle mani.

Carattere: chiuso e diffidente; intelligente; in passato ha ottenuto brillanti risultati professionali, che ora però sono un lontano ricordo. Anche la sua vita coniugale è in crisi: è stato lasciato da poco dalla moglie. Il  caso Lara Frai, se si risolvesse con la dimostrazione dell’innocenza del suo assistito (innocenza di cui è convinto), potrebbe risollevare la sua carriera.

Hobby: ama correre, è un modo per allontanare i pensieri e le inquietudini che lo assillano. Gli piace allenarsi nei giardini di via Palestro.

Per l’aspetto fisico di questo personaggio, non mi sono ispirata a nessuna persona reale, però in questi giorni, mentre sfogliavo una rivista, ho notato una foto di Michele Riondino: quando l’ho visto, ho pensato che quest’attore, anche se di parecchi anni più giovane di Brioschi, sarebbe perfetto per il personaggio da me ideato:

VENICE, ITALY - SEPTEMBER 07: Michele Riondino attends the Lancia Cafe during the 67th Venice International Film Festival on September 7, 2010 in Venice, Italy. (Photo by Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

Questi tre personaggi, Lara Frai, Viola Kohl, Pietro Brioschi, pur nelle loro diversità, condividono una stessa caratteristica: l’idea di un prima e di un poi, di uno spartiacque che divide la loro vita, di un Fatto dopo il quale nulla è più come prima.

Novità

31 Ago

In queste settimane di vacanza sono riuscita a completare la revisione del mio nuovo romanzo che, se tutto va come deve andare, sarà pubblicato su Amazon il giorno 8 settembre. Il titolo è La luna tatuata ed è un noir metropolitano ambientato a Milano. Amazon ne rende già possibile la prenotazione qui. Nei prossimi giorni mi piacerebbe postare su questo blog articoli con anticipazioni sulle caratteristiche del romanzo.

Blog che parlano del mio romanzo Ti presento Giulia

10 Ago

Ringrazio Lucia Checchia per aver citato il mio romanzo Ti presento Giulia nel suo bel blog dedicato all’archeologia (http://archeologiaonweb.blogspot.it/2013/07/ti-presento-giulia-lavvincente-romanzo.html).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: