Letture noir: “La camera azzurra” di Georges Simenon

18 Set

Nel romanzo La camera azzurra di Georges Simenon si narra la storia di una passione sensuale che porta alla rovina i due amanti, Tony e Andrée.

Lacameraazzurra

La camera azzurra del titolo è la stanza d’albergo dove i due amanti si incontrano, è lo spazio della passione, contrapposto alla casa, al focolare domestico.

Narrato in terza persona, il romanzo mostra la vicenda dal punto di vista di Tony.

Non viene seguito un ordine cronologico. Il lettore è tenuto all’oscuro del dramma avvenuto, ma avverte fin dall’inizio che qualcosa di grave è stato commesso.

L’evento tragico è svelato solo nelle ultime pagine e si arriva a esso attraverso le risposte di Tony alle domande che gli vengono poste durante gli interrogatori.

Questo romanzo mi è piaciuto oltre che per questa particolare tecnica narrativa, anche per i due personaggi protagonisti.

Tony per alcuni aspetti mi ricorda il protagonista de Lo straniero di Albert Camus: anche se tra Tony e Meursault c’è una differenza fondamentale che non posso svelare qui per non dirvi troppo sul romanzo, Tony come Meursault si trova coinvolto in una vicenda violenta senza rendersene quasi conto. Questo aspetto è forse più marcato nel personaggio ideato da Simenon, che si rivela essere debole, non capace di mettere in chiaro le cose né con Andrée né con chi lo interroga. Anche lui, come Meursault, viene giudicato colpevole perché in certi frangenti si dimostra impassibile. Viene accusato di insensibilità e cinismo.

Rimane impressa nel lettore anche la figura di Andrée: lei che a Tony ai tempi della scuola sembrava una statua fredda, altera, ora è una donna passionale e che in nome di questa passione è capace di tutto. Sarà per il fatto che di lei si dice che abbia una voce sensuale, roca, ho pensato che per una nuova trasposizione cinematografica di questo romanzo, il ruolo di Andrée troverebbe l’interprete ideale in Anna Mouglalis.

AnnaMouglalis

Era da tanto che non leggevo un romanzo che sapesse parlare così della passione. Difficile scegliere un brano che sia un esempio della bravura di Georges Simenon.  Uno potrebbe essere quello dell’incontro tra Tony e Andrée, dopo tanti anni dai tempi della scuola, un incontro “fortuito”, ma che di fortuito ha ben poco, secondo me tra le righe Simenon lascia a intendere che è stata la diabolica Andrée ad architettarlo:

image (11)image (12)

 

Annunci

2 Risposte to “Letture noir: “La camera azzurra” di Georges Simenon”

  1. lisecharmel 11 ottobre 2017 a 18:24 #

    mi sembra che abbiamo amato il romanzo allo stesso modo e per le stesse ragioni. ottima disamina, mi piace molto inoltre la tua scelta di aggiungere le pagine che più ti sono piaciute.

    • Marta T 11 ottobre 2017 a 19:37 #

      Grazie, Lise, per la visita e il commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: